06 dicembre 2017

I video del congresso di S. Teresina

Sono ora a disposizione i video delle conferenze del Congresso su "Teresa di Lisieux, Dottore della Chiesa, una luce per il mondo contemporaneo",che si è svolto al Teresianum, l’8 novembre 2017, per celebrare il ventesimo anniversario della proclamazione di Santa Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo a Dottore della Chiesa. Gli interventi disponibili sono del Prof. François-Marie LÉTHEL, OCD (nella foto): «L’avvenimento del Dottorato e il suo significato teologico»;  del  Prof. Łukasz STRZYŻ, OCD: «Il paradigma biblico dell’elezione in Teresa di Lisieux»; del Prof. Emilio MARTÍNEZ, OCD: «Il Dio delle piccole cose»; del Prof. Bruno MORICONI, OCD: «Cristiani sulle orme evangeliche di Teresa di Lisieux».

Adorare Gesù nel SS. Sacramento

Da un articolo messo on line sul sito "Aleteia", sugli effetti dell'Adorazione Eucaristica.

Quando una persona adora Gesù nell’Eucaristia, quella persona e ciò che la circonda cambiano. Quando si apre una cappella di adorazione perpetua si trasforma lentamente il quartiere. È quello che Isabel Puig definisce l’“effetto farfalla”.

Isabel Puig è madre di una famiglia numerosa e collabora al coordinamento dei turni di una cappella di adorazione perpetua a Badalona (vicino a Barcellona, in Spagna), e ora sta partecipando all’apertura di un’altra cappella di adorazione perpetua a Barcellona, nel Real Monasterio de Santa Isabel, donde il movimento Regnum Christi gestisce un centro scolastico.

“Il Signore agisce nel quartiere, nelle anime, in tutto l’ambiente”, ha riferito Isabel a Religión en Libertad, ricordando che a Badalona si è constatato che “le persone trovano pace. Gli adoratori trovano più serenità per affrontare la vita, e le ferite del cuore si curano andando a vedere Gesù”.

09 novembre 2017

Sul blog dell'Ocds si riflette sulle Costituzioni

Grazie all’impegno dei presidenti delle Province italiane dell’Ordine Secolare dei Carmelitani Scalzi riunite nel Coordinamento interprovinciale, che è stato fino ad oggi presieduto da Silvana Brigida De Grandi, con l’assistenza religiosa di p. Aldo Formentin e il supporto del nostro Delegato Generale p. Alzinir Debastiani, camminiamo con lo stesso passo.

Già lo scorso anno scorso abbiamo approfondito la Regola carmelitana, tema che nella nostra Provincia è stato poi oggetto degli esercizi spirituali, quest’anno il blog dell’Ocds d’Italia (http://ocdsditalia.blogspot.it/) offre la possibilità di uno studio in 7 incontri con relative schede sulle nostre Costituzioni. 
E' un ottimo spunto per le riflessioni nella nostre comunità sul cammino percorso alla luce di quelle che dal 2003 sono le direttive per dare ordine alla nostra vita spirituale.
Sono on line già le prime due, scaricabili o consultabili dal blog.



26 giugno 2017

Ricordiamo la b. Giuseppina di Gesù Crocifisso

La nostra provincia dell’Ocd e la nostra comunità ocds dei Ponti Rossi, assieme alle claustrali, ricordano il 26 giugno prossimo la memoria liturgica della B. Giuseppina di Gesù crocifisso. Un esempio di come la vocazione ha radici profonde e radicate già dall'infanzia è il fatto che la piccola Giuseppina coltivava un amore profondo per la preghiera, che la portava a sostare in silenzio davanti a Gesù Eucaristia.

Giuseppina Catanea nacque a Napoli il 18 febbraio 1894. Nel pieno della giovinezza, si donò a Dio abbracciando la vita contemplativa al seguito della sorella nel nascente Monastero carmelitano dei SS. Teresa e Giuseppe, a Napoli.
Una serie di mali l’avevano costretta a letto per cinque anni (1918-1923), ma la potenza di Dio interviene il 2 giugno 1923 quando fu miracolosamente guarita al contatto della reliquia del Braccio di San Francesco Saverio. Il 6 agosto 1933 Suor Maria Giuseppina fece la sua Professione Solenne. Sull’altare c’era la Sacra Spina.
Cominciò così un nuovo periodo di vita per suor Giuseppina, arricchita dallo Spirito Santo di particolari carismi: dono della scrutazione dei cuori, dono del Consiglio, dono della profezia, che per obbedienza ai Superiori mette al servizio del popolo di Dio.
Una vita totalmente offerta.

22 giugno 2017

Un anno fa moriva Sr. Cecilia


Un sorriso straordinario, dolce, di una sposa e non certo di una persona che di lì a qualche ora sarebbe volata in cielo. Era il 22 giugno 2016 e da sei mesi suor Cecilia Maria, 43 anni, carmelitana scalza di Santa Fè, in Argentina, lottava contro il cancro.  Tutto era cominciato con un tumore alla lingua che aveva creato metastasi ai polmoni.